0008, Ovidio – Metamorfosi: Dafne e Apollo

Publio Ovidio Nasone (43 a.C.-18), circa 2 dC-8 dC, Metamorphoseon libri XV, Liber  I, 452-567 (Daphne et Phoebus)

[div class=”doc” class2=”typo-icon”]

Questo mito non racconta l’amore tra due donne ma quello unilaterale e sgradito di un dio, Apollo, per la ninfa Dafne. Ci dice però che esistono donne che non sono attratte dagli uomini e nemmeno dagli dei.

Apollo prende in giro Cupido, dio dell’Amore, affermando che arco e frecce non sono armi adatte a lui. Cupido decide di mostrargli il suo potere colpendolo con la freccia d’oro che fa innamorare. Apollo comunque è  il più bello degli dei, quindi Cupido colpisce  la ninfa di cui sapeva che  si sarebbe invaghito, con la freccia di piombo che fa rifuggire l’amore. Appena vede la ninfa chiamata Dafne, figlia del dio-fiume Peneo, Apollo se ne innamora ma la ragazza, seguace di Diana, non è interessata agli uomini ed essendo stata colpita dalla freccia di piombo di Cupido, non cede al fascino del dio e tenta di scappare.  Apollo la insegue; esausta, Dafne arriva presso la riva del fiume Peneo e implora l’aiuto del padre per evitare lo stupro; larisposta fu quella di trasformare lei in albero (d’alloro) prima che il dio la violentasse

[/div]

Illustrazione di Johann Whilhelm Baur (1600-1640) da un’edizione del 1703; online allo The Ovid Project, Università del Vermont (http://www.uvm.edu/~hag/ovid/). Altre immagini relative al mito: http://www.iconos.it/index.php?id=185

[jcolumns inbordercss=”1px solid #e2e2e2″]
Originale allo http://la.wikisource.org/wiki/Metamorphoses_%28Ovidius%29/Liber_I
452 Primus amor Phoebi Daphne Peneia, quem non
453 fors ignara dedit, sed saeva Cupidinis ira,
454 Delius hunc nuper, victa serpente superbus,
455 viderat adducto flectentem cornua nervo
456 ‘quid’ que ‘tibi, lascive puer, cum fortibus armis?’
457 dixerat: ‘ista decent umeros gestamina nostros,
458 qui dare certa ferae, dare vulnera possumus hosti,
459 qui modo pestifero tot iugera ventre prementem
460 stravimus innumeris tumidum Pythona sagittis.
461 tu face nescio quos esto contentus amores
462 inritare tua, nec laudes adsere nostras!’
463 filius huic Veneris ‘figat tuus omnia, Phoebe,
464 te meus arcus’ ait; ‘quantoque animalia cedunt
465 cuncta deo, tanto minor est tua gloria nostra.’
466 dixit et eliso percussis aere pennis
467 inpiger umbrosa Parnasi constitit arce
468 eque sagittifera prompsit duo tela pharetra
469 diversorum operum: fugat hoc, facit illud amorem;
470 quod facit, auratum est et cuspide fulget acuta,
471 quod fugat, obtusum est et habet sub harundine plumbum.
472 hoc deus in nympha Peneide fixit, at illo
473 laesit Apollineas traiecta per ossa medullas;
474 protinus alter amat, fugit altera nomen amantis
475 silvarum latebris captivarumque ferarum
476 exuviis gaudens innuptaeque aemula Phoebes:
477 vitta coercebat positos sine lege capillos.
478 multi illam petiere, illa aversata petentes
479 inpatiens expersque viri nemora avia lustrat
480 nec, quid Hymen, quid Amor, quid sint conubia curat.
481 saepe pater dixit: ‘generum mihi, filia, debes,’
482 saepe pater dixit: ‘debes mihi, nata, nepotes’;
483 illa velut crimen taedas exosa iugales
484 pulchra verecundo suffuderat ora rubore
485 inque patris blandis haerens cervice lacertis
486 ‘da mihi perpetua, genitor carissime,’ dixit
487 ‘virginitate frui! dedit hoc pater ante Dianae.’
488 ille quidem obsequitur, sed te decor iste quod optas
489 esse vetat, votoque tuo tua forma repugnat:
490 Phoebus amat visaeque cupit conubia Daphnes,
491 quodque cupit, sperat, suaque illum oracula fallunt,
492 utque leves stipulae demptis adolentur aristis,
493 ut facibus saepes ardent, quas forte viator
494 vel nimis admovit vel iam sub luce reliquit,
495 sic deus in flammas abiit, sic pectore toto
496 uritur et sterilem sperando nutrit amorem.
497 spectat inornatos collo pendere capillos
498 et ‘quid, si comantur?’ ait. videt igne micantes
499 sideribus similes oculos, videt oscula, quae non
500 est vidisse satis; laudat digitosque manusque
501 bracchiaque et nudos media plus parte lacertos;
502 si qua latent, meliora putat. fugit ocior aura
503 illa levi neque ad haec revocantis verba resistit:
504 ‘nympha, precor, Penei, mane! non insequor hostis;
505 nympha, mane! sic agna lupum, sic cerva leonem,
506 sic aquilam penna fugiunt trepidante columbae,
507 hostes quaeque suos: amor est mihi causa sequendi!
508 me miserum! ne prona cadas indignave laedi
509 crura notent sentes et sim tibi causa doloris!
510 aspera, qua properas, loca sunt: moderatius, oro,
511 curre fugamque inhibe, moderatius insequar ipse.
512 cui placeas, inquire tamen: non incola montis,
513 non ego sum pastor, non hic armenta gregesque
514 horridus observo. nescis, temeraria, nescis,
515 quem fugias, ideoque fugis: mihi Delphica tellus
516 et Claros et Tenedos Patareaque regia servit;
517 Iuppiter est genitor; per me, quod eritque fuitque
518 estque, patet; per me concordant carmina nervis.
519 certa quidem nostra est, nostra tamen una sagitta
520 certior, in vacuo quae vulnera pectore fecit!
521 inventum medicina meum est, opiferque per orbem
522 dicor, et herbarum subiecta potentia nobis.
523 ei mihi, quod nullis amor est sanabilis herbis
524 nec prosunt domino, quae prosunt omnibus, artes!’
525 Plura locuturum timido Peneia cursu
526 fugit cumque ipso verba inperfecta reliquit,
527 tum quoque visa decens; nudabant corpora venti,
528 obviaque adversas vibrabant flamina vestes,
529 et levis inpulsos retro dabat aura capillos,
530 auctaque forma fuga est. sed enim non sustinet ultra
531 perdere blanditias iuvenis deus, utque monebat
532 ipse Amor, admisso sequitur vestigia passu.
533 ut canis in vacuo leporem cum Gallicus arvo
534 vidit, et hic praedam pedibus petit, ille salutem;
535 alter inhaesuro similis iam iamque tenere
536 sperat et extento stringit vestigia rostro,
537 alter in ambiguo est, an sit conprensus, et ipsis
538 morsibus eripitur tangentiaque ora relinquit:
539 sic deus et virgo est hic spe celer, illa timore.
540 qui tamen insequitur pennis adiutus Amoris,
541 ocior est requiemque negat tergoque fugacis
542 inminet et crinem sparsum cervicibus adflat.
543 viribus absumptis expalluit illa citaeque
544 victa labore fugae spectans Peneidas undas
545 ‘fer, pater,’ inquit ‘opem! si flumina numen habetis,
546 qua nimium placui, mutando perde figuram!’
547 [quae facit ut laedar mutando perde figuram.]
548 vix prece finita torpor gravis occupat artus,
549 mollia cinguntur tenui praecordia libro,
550 in frondem crines, in ramos bracchia crescunt,
551 pes modo tam velox pigris radicibus haeret,
552 ora cacumen habet: remanet nitor unus in illa.
553 Hanc quoque Phoebus amat positaque in stipite dextra
554 sentit adhuc trepidare novo sub cortice pectus
555 conplexusque suis ramos ut membra lacertis
556 oscula dat ligno; refugit tamen oscula lignum.
557 cui deus ‘at, quoniam coniunx mea non potes esse,
558 arbor eris certe’ dixit ‘mea! semper habebunt
559 te coma, te citharae, te nostrae, laure, pharetrae;
560 tu ducibus Latiis aderis, cum laeta Triumphum
561 vox canet et visent longas Capitolia pompas;
562 postibus Augustis eadem fidissima custos
563 ante fores stabis mediamque tuebere quercum,
564 utque meum intonsis caput est iuvenale capillis,
565 tu quoque perpetuos semper gere frondis honores!’
566 finierat Paean: factis modo laurea ramis
567 adnuit utque caput visa est agitasse cacumen.
[jcol/]
Traduzione italiana nella Ovid Collection http://etext.lib.virginia.edu/latin/ovid/italian.html

452. Il primo amore di Febo fu Dafne, figlia di Peneo,
453. e non fu dovuto al caso, ma all’ira implacabile di Cupido.
454. Ancora insuperbito per aver vinto il serpente, il dio di Delo,
455. vedendolo che piegava l’arco per tendere la corda:
456. «Che vuoi fare, fanciullo arrogante, con armi così impegnative?»
457. gli disse. «Questo è peso che s’addice alle mie spalle,
458. a me che so assestare colpi infallibili alle fiere e ai nemici,
459. a me che con un nugolo di frecce ho appena abbattuto Pitone,
460. infossato col suo ventre gonfio e pestifero per tante miglia.
461. Tu accontèntati di fomentare con la tua fiaccola,
462. non so, qualche amore e non arrogarti le mie lodi».
463. E il figlio di Venere: «Il tuo arco, Febo, tutto trafiggerà,
464. ma il mio trafigge te, e quanto tutti i viventi a un dio
465. sono inferiori, tanto minore è la tua gloria alla mia».
466. Disse, e come un lampo solcò l’aria ad ali battenti,
467. fermandosi nell’ombra sulla cima del Parnaso,
468. e dalla faretra estrasse due frecce
469. d’opposto potere: l’una scaccia, l’altra suscita amore.
470. La seconda è dorata e la sua punta aguzza sfolgora,
471. la prima è spuntata e il suo stelo ha l’anima di piombo.
472. Con questa il dio trafisse la ninfa penea, con l’altra
473. colpì Apollo trapassandogli le ossa sino al midollo.
474. Subito lui s’innamora, mentre lei nemmeno il nome d’amore
475. vuol sentire e, come la vergine Diana, gode nella penombra
476. dei boschi per le spoglie della selvaggina catturata:
477. solo una benda raccoglie i suoi capelli scomposti.
478. Molti la chiedono, ma lei respinge i pretendenti
479. e, decisa a non subire un marito, vaga nel folto dei boschi
480. indifferente a cosa siano nozze, amore e amplessi.
481. Il padre le ripete: «Figliola, mi devi un genero»;
482. le ripete: «Bambina mia, mi devi dei nipoti»;
483. ma lei, odiando come una colpa la fiaccola nuziale,
484. il bel volto soffuso da un rossore di vergogna,
485. con tenerezza si aggrappa al collo del padre:
486. «Concedimi, genitore carissimo, ch’io goda», dice,
487. «di verginità perpetua: a Diana suo padre l’ha concesso».
488. E in verità lui acconsentirebbe; ma la tua bellezza vieta
489. che tu rimanga come vorresti, al voto s’oppone il tuo aspetto.
490. E Febo l’ama; ha visto Dafne e vuole unirsi a lei,
491. e in ciò che vuole spera, ma i suoi presagi l’ingannano.
492. Come, mietute le spighe, bruciano in un soffio le stoppie,
493. come s’incendiano le siepi se per ventura un viandante
494. accosta troppo una torcia o la getta quando si fa luce,
495. così il dio prende fuoco, così in tutto il petto
496. divampa, e con la speranza nutre un impossibile amore.
497. Contempla i capelli che le scendono scomposti sul collo,
498. pensa: ‘Se poi li pettinasse?’; guarda gli occhi che sfavillano
499. come stelle; guarda le labbra e mai si stanca
500. di guardarle; decanta le dita, le mani,
501. le braccia e la loro pelle in gran parte nuda;
502. e ciò che è nascosto, l’immagina migliore. Ma lei fugge
503. più rapida d’un alito di vento e non s’arresta al suo richiamo:
504. «Ninfa penea, férmati, ti prego: non t’insegue un nemico;
505. férmati! Così davanti al lupo l’agnella, al leone la cerva,
506. all’aquila le colombe fuggono in un turbinio d’ali,
507. così tutte davanti al nemico; ma io t’inseguo per amore!
508. Ahimè, che tu non cada distesa, che i rovi non ti graffino
509. le gambe indifese, ch’io non sia causa del tuo male!
510. Impervi sono i luoghi dove voli: corri più piano, ti prego,
511. rallenta la tua fuga e anch’io t’inseguirò più piano.
512. Ma sappi a chi piaci. Non sono un montanaro,
513. non sono un pastore, io; non faccio la guardia a mandrie e greggi
514. come uno zotico. Non sai, impudente, non sai
515. chi fuggi, e per questo fuggi. Io regno sulla terra di Delfi,
516. di Claro e Tènedo, sulla regale Pàtara.
517. Giove è mio padre. Io sono colui che rivela futuro, passato
518. e presente, colui che accorda il canto al suono della cetra.
519. Infallibile è la mia freccia, ma più infallibile della mia
520. è stata quella che m’ha ferito il cuore indifeso.
521. La medicina l’ho inventata io, e in tutto il mondo guaritore
522. mi chiamano, perché in mano mia è il potere delle erbe.
523. Ma, ahimè, non c’è erba che guarisca l’amore,
524. e l’arte che giova a tutti non giova al suo signore!».
525. Di più avrebbe detto, ma lei continuò a fuggire
526. impaurita, lasciandolo a metà del discorso.
527. E sempre bella era: il vento le scopriva il corpo,
528. spirandole contro gonfiava intorno la sua veste
529. e con la sua brezza sottile le scompigliava i capelli
530. rendendola in fuga più leggiadra. Ma il giovane divino
531. non ha più pazienza di perdersi in lusinghe e, come amore
532. lo sprona, l’incalza inseguendola di passo in passo.
533. Come quando un cane di Gallia scorge in campo aperto
534. una lepre, e scattano l’uno per ghermire, l’altra per salvarsi;
535. questo, sul punto d’afferrarla e ormai convinto
536. d’averla presa, che la stringe col muso proteso,
537. quella che, nell’incertezza d’essere presa, sfugge ai morsi
538. evitando la bocca che la sfiora: così il dio e la fanciulla,
539. un fulmine lui per la voglia, lei per il timore.
540. Ma lui che l’insegue, con le ali d’amore in aiuto,
541. corre di più, non dà tregua e incombe alle spalle
542. della fuggitiva, ansimandole sul collo fra i capelli al vento.
543. Senza più forze, vinta dalla fatica di quella corsa
544. allo spasimo, si rivolge alle correnti del Peneo e:
545. «Aiutami, padre», dice. «Se voi fiumi avete qualche potere,
546. dissolvi, mutandole, queste mie fattezze per cui troppo piacqui».
547. Ancora prega, che un torpore profondo pervade le sue membra,
548. il petto morbido si fascia di fibre sottili,
549. i capelli si allungano in fronde, le braccia in rami;
550. i piedi, così veloci un tempo, s’inchiodano in pigre radici,
551. il volto svanisce in una chioma: solo il suo splendore conserva.
552. Anche così Febo l’ama e, poggiata la mano sul tronco,
553. sente ancora trepidare il petto sotto quella nuova corteccia
554. e, stringendo fra le braccia i suoi rami come un corpo,
555. ne bacia il legno, ma quello ai suoi baci ancora si sottrae.
556. E allora il dio: «Se non puoi essere la sposa mia,
557. sarai almeno la mia pianta. E di te sempre si orneranno,
558. o alloro, i miei capelli, la mia cetra, la faretra;
559. e il capo dei condottieri latini, quando una voce esultante
560. intonerà il trionfo e il Campidoglio vedrà fluire i cortei.
561. Fedelissimo custode della porta d’Augusto,
562. starai appeso ai suoi battenti per difendere la quercia in mezzo.
563. E come il mio capo si mantiene giovane con la chioma intonsa,
564. anche tu porterai il vanto perpetuo delle fronde!».
565. Qui Febo tacque; e l’alloro annuì con i suoi rami
566. appena spuntati e agitò la cima, quasi assentisse col capo.
[/jcolumns]

Dafne
Il genere Daphne L. in Italia comprende una decina di specie; in Daphne mezereum L., diffusa nei boschi di tutta la penisola, i fiori rosa compaiono prima delle foglie e produrranno le bacche rosse visibili nella foto




0008, Ovidio – Metamorfosi: Ifis e Iante

Publio Ovidius Naso (Sulmona, 43 aC – Tomi, ora Costanza, Romania, 17 dC), 2dC-8dC. Metamorphoses. Liber IX, 670-797 [Iphis et Ianthe]

[div class=”doc” class2=”typo-icon”]La giovane Ifi, che su suggerimento di Iside era stata cresciuta come un uomo dalla madre Teletusa per salvarla dal padre che avrebbe soppresso una figlia femmina, è data in sposa alla bella Iante. Le due si innamorano. Su richiesta di Teletusa interviene di nuovo Iside, che trasforma Ifi in un maschio. L’amore – anche uno “insensato” come questo – trionfa e l’eterosessualità pure[/div]

Illustrazione di Johann Whilhelm Baur (1600-1640) da un’edizione del 1703; online allo The Ovid Project, Università del Vermont (http://www.uvm.edu/~hag/ovid/)

*          *          *
*

Traduzione italiana online allo http://etext.virginia.edu/latin/ovid/italian.html

669. Nella regione di Festo, che è vicina al regno di Cnosso,
670. viveva un certo Ligdo, un plebeo d’oscura famiglia,
671. ma libero. Non era più ricco di quanto fosse nobile,
672. ma era sempre vissuto onestamente e senza macchia.
673. Alla moglie, incinta e ormai vicina al giorno del parto,
674. costui rivolse questo ammonimento: «M’auguro
675. due cose sole: che tu partorisca soffrendo il meno possibile
676. e metta al mondo un maschio. In caso contrario sarebbe un guaio,
677. perché purtroppo abbiamo pochi mezzi. Perciò, se per malasorte
678. (e spero non avvenga) tu partorissi una femmina, benché
679. mi ripugni, ingiungo (il cielo mi perdoni) che venga uccisa».
680. Questo disse, e fiumi di lacrime rigarono il volto di chi
681. proferiva l’ordine, come di lei che lo riceveva.
682. Invano Teletusa pregò e ripregò il marito
683. di non porre limitazioni al sospirato evento.
684. Ligdo fu irremovibile. E ormai lei a stento
685. reggeva il peso del ventre maturo, quando
686. nel cuore della notte, mentre dormiva, le apparve
687. davanti al letto, o sognò che le apparisse, la figlia di Ínaco,
688. accompagnata da tutto il suo séguito. Sulla fronte portava
689. le corna lunari, con spighe sfavillanti d’oro puro,
690. e le insegne regali. Al suo fianco latrava Anubi
691. e c’erano la santa Bubasti, Api dal manto a chiazze,
692. e il nume che spegne la voce e invita col dito al silenzio.
693. E poi i sistri, Osiride così a lungo cercato,
694. e il serpente esotico gonfio di veleno che procura il sonno.
695. E a Teletusa, che netto tutto vedeva, quasi fosse sveglia,
696. la dea così parlò: «O tu, che mi sei devota,
697. smetti di preoccuparti ed eludi l’ordine di tuo marito.
698. Quando Lucina t’avrà sgravato, non esitare: accogli
699. come tuo chi nascerà. Io sono una dea pietosa e a chi m’invoca
700. vengo in aiuto: non potrai dire d’aver pregato
701. una divinità ingrata». Dato questo consiglio, uscì di camera.
702. Felice la donna cretese si alzò dal letto e, levando agli astri
703. le mani senza macchia, pregò che la sua visione s’avverasse.
704. Poi le doglie crebbero e il feto venne alla luce senza fatica:
705. era una femmina, ma il padre non lo seppe, e la madre ordinò
706. che fosse allevata dicendo che era un maschio. Fu creduta
707. e nessuno fu edotto dell’inganno, se non la nutrice.
708. Il padre ringraziò gli dei e le impose il nome del nonno:
709. Ifi, come il nonno appunto. La madre si rallegrò di quel nome
710. che s’adattava a maschio e femmina, senza creare inganni.
711. Grazie a questo dolce artificio, la menzogna rimase nascosta:
712. l’abbigliamento era di un fanciullo; i lineamenti, che li assegnassi
713. a una femmina oppure a un ragazzo, erano belli in entrambi i casi.
714. Passarono così tredici anni, quando tuo padre
715. ti promise in moglie, Ifi, la bionda Iante, figlia
716. di Teleste del Dicte, ch’era fra quelle di Festo
717. la vergine più ammirata in virtù della bellezza sua.
718. Pari d’età e di bellezza, dagli stessi maestri
719. apprendevano i primi rudimenti della loro educazione.
720. Fu così che un reciproco amore sbocciò nei loro cuori ingenui
721. ferendoli entrambi; ma gli auspici erano diversi:
722. Iante non vede l’ora che venga il tempo delle nozze promesse,
723. convinta che colei che crede un uomo sarà suo marito;
724. Ifi spasima per una che sa di non poter mai possedere e
725. questo aggrava la passione, ardendo lei, vergine, per una vergine.
726. E trattenendo a stento le lacrime: «Che fine mai farò,» dice,
727. «presa come sono da una passione, così mostruosa e inaudita,
728. che mai nessuno ha provato? Se gli dei volevano risparmiarmi,
729. risparmiarmi dovevano; altrimenti se volevano distruggermi,
730. m’avessero almeno dato una pena giusta secondo natura!
731. Non spasima giovenca per giovenca, né cavalla per cavalla;
732. ma pecora per l’ariete, cerva per il suo cervo.
733. Così s’accoppiano anche gli uccelli, e fra tutti gli animali
734. non v’è femmina che sia travolta da delirio per altra femmina.
735. Vorrei non esistere! È vero che le mostruosità più incredibili
736. accadono a Creta: la figlia del Sole s’innamorò di un toro,
737. ma erano pur sempre femmina e maschio. Il mio amore, a dire
738. il vero, è assai più insensato. E tuttavia lei poté appagare
739. la sua smania amorosa: con l’inganno, dentro una forma di vacca,
740. in sé accolse il toro, ed era un amante che veniva ingannato.
741. Ma anche ammesso che qui si riunissero gli ingegni del mondo intero,
742. che qui, volando con le sue ali di cera, Dedalo tornasse,
743. che potrebbe fare? Trasformarmi forse da vergine in ragazzo
744. con arti occulte? o forse mutare te, Iante?
745. Perché allora non ti fai coraggio, Ifi, e non torni in te,
746. liberandoti di questa fiamma sconsiderata e stolta?
747. Donna sei nata: convinciti, se non vuoi ingannare te stessa,
748. e aspira a ciò che è lecito, ama quel che deve amare una donna.
749. È la speranza che affascina, è la speranza a nutrire l’amore.
750. Ma a te la realtà la nega. Non è un guardiano a impedirti
751. l’amplesso che brami, non è il controllo di un marito sospettoso
752. o la severità di un padre; né al tuo desiderio lei si nega,
753. ma tu non puoi possederla, e anche se tutto andasse come deve,
754. tu non puoi essere felice, per quanto uomini e dei s’ingegnino.
755. Fino ad ora non c’è mio desiderio che sia caduto nel vuoto,
756. e gli dei, benevoli, m’hanno dato tutto quello che han potuto,
757. e ciò ch’io voglio, lo vuole mio padre, lei stessa e il futuro suocero.
758. Ma non lo vuole la natura: più potente di tutti costoro,
759. è la mia sola nemica! Il momento sospirato si avvicina,
760. arriva il giorno delle nozze, e Iante finalmente sarà mia,
761. ma averla non potrò: moriremo di sete in mezzo all’acqua.
762. Perché, Giunone, dea delle nozze, perché, Imeneo, venite
763. a questa festa? Qui non c’è lo sposo, ma solo due spose».
764. E spense la sua voce. Ma l’altra vergine non è meno
765. smaniosa e supplica che tu venga presto, Imeneo.
766. E Teletusa, temendo ciò che Iante agogna, rinvia la data,
767. prende tempo fingendo un malore, adducendo presagi e visioni
768. a pretesto. Ma alla fine non rimangono scuse
769. da inventare: la data delle nozze, rinviata,
770. è di nuovo imminente, non resta che un giorno. E allora
771. a sé e alla figliola lei toglie dal capo la benda che annoda
772. i capelli, e con le chiome sparse, abbracciata all’ara:
773. «Iside, che vivi a Paretonio, nei campi di Màrea, di Faro
774. e in quelli del Nilo, che si dirama in sette foci,
775. aiutaci, ti prego,» dice, «liberaci dai nostri timori!
776. Io ti ho vista, o dea, ti ho vista e riconosciuta con le tue insegne
777. e tutto il resto, il tuo séguito, le fiaccole e il suono
778. dei sistri, e porto impressi nella mente i tuoi precetti.
779. Se mia figlia è in vita ed io non sono punita,
780. è per consiglio e dono tuo. Abbi pietà di entrambe
781. e portaci soccorso!». Poi in pianto si sciolsero le parole.
782. Parve che la dea scuotesse il proprio altare (e l’aveva scosso);
783. tremarono le porte del tempio, sfavillarono corna
784. simili a falce di luna e risuonò il crepitio dei sistri.
785. Non ancora tranquilla, ma allietata da quel fausto auspicio,
786. la madre uscì dal tempio. Al suo fianco Ifi la segue,
787. ma con passo più lungo di prima; il suo viso non ha più il colore
788. candido d’un tempo, il corpo si è irrobustito, ed ora i lineamenti
789. sono più duri e più corta è la chioma sparsa al vento.
790. C’è più vigore nella sua persona, di quand’era femmina:
791. tu ch’eri tale, sei ora un maschio. Recate doni ai templi,
792. esultate con tutta la vostra fede! Portano doni ai templi
793. e aggiungono un’epigrafe: contiene un solo verso:
794. ‘Scioglie un uomo con questi doni il voto, che fece Ifi da femmina’.
795. Il giorno dopo, quando i raggi del sole illuminarono il mondo,
796. Venere, Giunone e Imeneo si unirono alla cerimonia
797. nuziale ed Ifi, il giovane Ifi, conquistò la sua Iante.

*          *           *

[div class=”doc” class2=”typo-icon”]Su Iside vedi anche Vincenzo Cartari, Le Imagini de i Dei de gli Antichi, in Diana (1571) allo http://www.iconos.it/index.php?id=2606[/div]




0170, Pausania – Leucippo e Dafne

Pausania il Periegeta (110–180 d.C.), Hellàdos Perieghésis. Qui la Descrizione della Grecia di Pausania. Nuovamente dal testo greco tradotta da A. Nibby. Vol. III. Roma: Vincenzo Poggioli Stampatore, 1817, p. 131

[div class=”doc” class2=”typo-icon”]Scrittore greco, Pausania fu autore della “Periegesi della Grecia” (Περιήγησις τῆς ῾Ελλάδος), un trattato storico geografico in dieci libri, giuntoci integro e pubblicato fra il 160 e il 177 d. C. Per periegesi s’intende quel filone storiografico, soprattutto di epoca ellenistica, che, intorno a un itinerario geografico, raccoglie notizie storiche su popoli, persone e località. Vedi: http://www.archeoguida.it/004838_pausania-il-periegeta.html

Quello che riportiamo Fa parte di quei miti e racconti in cui se un uomo riesce a fare innamorare di sè l’amata è solo perchè lei lo crede una donna; qui è Leucippo che finge di essere una ragazza per conquistare Dafne riuscendo a portarla ad una “forte amicizia” (NB: Questa traduzione, che in copertina ha la scritta “Con approvazione”, è “approvata” ed “epurata”)
[/div]

Libro Ottavo [Arcadia], Capo ventesimo
2. Talascio ciò che di Dafne raccontano coloro i quali abitano in Siria sull’Oronte: si dicono però queste altre cose ancora dagli Arcadi e dagli Eléi. Di Oenomao, il quale dominò in Pisa, era figlio Leucippo. Costui acceso d’amore per Dafne, siccome credeva che se si fosse mostrato suo pretendente non l’avrebbe giammai in moglie avuta sendo che essa fuggiva gli uomini, perciò gli venne in mente questa astuzia. Egli nudriva la chioma all’Alfèo; sendosela adunque come una vergine intrecciata, vestitosi di una veste da donna ne andò a Dafne. Pervenutovi le disse che era figlia di Oenomao e che insieme con Dafne voleva uscire alla caccia. E come colui che una vergine era creduto, e le altre donzelle per la dignità del linguaggio e la sua intelligenza nella caccia superava, ed inoltre usava molta cortesia verso di lei, portò Dafne ad una forte amicizia. Quelli, che cantano l’amore di Apollo verso di lei soggiungono che il Dio invidiasse a Leucippo la sua fortuna nell’amore: laonde Dafne e le altre vergini bramarono subito di nuotare nel Ladone e spogliarono Leucippo contro sua voglia: e vedendo che non era una donzella, ferensolo cogli strali e co’ pugnali lo uccisero. Così narrano queste cose.


La stessa storia: Dafne prima è insidiata da Leucippo e poi da Apollo, per sfuggire al quale Dafne implora Zeus, che trasforma lei in una pianta, è nelle Metamorfosi di Ovidio e ripresa più volte.  Secondo l’elenco compilato da Elisa Saviani, allo http://www.iconos.it/index.php?id=181, lo troviamo in

Fonti classiche:

sec. I a.C., Partenio di Nicea, Amori infelici, XV, Dafne
sec. I o II d.C., Hyginus, Fabulae, 203, Dafne
Luciano (120-180 d.C.), Dialoghi, 15 (17), Ermete e Apollo
Luciano (120-180 d.C.), Dialoghi, 16 (18), Era e Latona
Luciano (120-180 d.C.), Dialoghi, 26, 8, Storia vera
160-177 d.C. circa, Pausania, Graeciae Descriptio, VIII, 20, 1-4
sec. IV-V d.C., Servio, Commentarii in Vergilii Aeneida, II, 513
sec. IV-V d.C., Servio, Commentarii in Vergilii Aeneida, III, 91
sec. V d.C., Nonno di Panopolis, Dionysiaca, XV, 300-302, 308-311
sec. V d.C., Nonno di Panopolis, Dionysiaca, XLII, 387-390
inizio VI sec. d.C., Fabio Fulgenzio Planciade, Mythologiae, I, XIV, Fabula de Lauro
Mythographus Vaticanus I, (ed. G. H. Bode, Cellis 1834), II, 116, Apollo et Dafne, seu laurus

Fonti medioevali:

Mythographus Vaticanus II (ed. G. H. Bode, Cellis 1834), 23, Apollinis laurus
Mythographus Vaticanus III (ed. G. H. Bode, Cellis 1834), 8, Apollo, 4 (pp. 201-202)
Arnolfo d’Orleans, Allegoriae super Ovidii Metamorphosen (1175 circa), I, 9
sec. XII, Giovanni di Garlandia, Integumenta Ovidii, I, 93-96
1322-1323 circa, Giovanni del Virgilio, Allegorie Librorum Ovidii Metamorphoseos, I, 9
1342-1350 circa, Petrus Berchorius, Ovidius Moralizatus, I, VII
1342-1350 circa, Petrus Berchorius, Ovidius Moralizatus, I, VIII
1342-1350 circa, Petrus Berchorius, Ovidius Moralizatus, I, IX
1363-1372 circa, Boccaccio, Genealogia Deorum Gentilium, VII, cap. XXIX, Dane, Penei filia

Fonti rinascimentali:

Nicolò degli Agostini, Ovidio Metamorphoseos in verso vulgar, Venezia 1522, I, ff. B-Bii, De Phebo e Daphne
Leone Ebreo, Dialoghi d’amore, Roma, M. Lenzi, 1535, II, 57
Ludovico Dolce, Le Trasformationi, Venezia 1553, canto II, ff. Bii-Biii
Giovanni Andrea dell’Anguillara, Le Metamorfosi di Ovidio, Venezia 1563, I, ff. Avii-Aviii-B
Natale Conti, Mythologiae, Venezia 1568, X, ff. 110-111
Vincenzo Cartari, Le Imagini de i Dei de gli Antichi, Lione, B. Honorat, 1581

Mito assai presente nell’iconografia, vedi-  sempre a cura di Elisa Saviani  – le immagini relative alla pagina
http://www.iconos.it/index.php?id=185

 

Qui riportiamo la versione di:
Partenio di Nicea (I secolo a.C.), Erotica Pathemata (Amori infelici), XV
http://www.iconos.it/index.php?id=182

Dafne

[La storia si trova nelle Elegie di Diodoro Elaita e nel XV libro di Filarco]

Intorno a Dafne, figlia di Amicla, si raccontano questi fatti. Lei non andava mai in città né si accompagnava con le altre vergini ma, equipaggiata di tutto punto, con molti cani partecipava a cacce in Laconia, spingendosi fino agli alti monti del Peloponneso: per questo motivo era molto cara ad Artemide che le consentiva di avere sempre la mira giusta. S’invaghì di lei, mentre vagava nel territorio di Elis, Leucippo, figlio di Enomao, e senza ricorrere a qualche altro espediente, si abbigliò con vesti femminili e, simile a una fanciulla, andava a caccia con lei. E siccome le piaceva, Dafne non lo lasciava mai, gli stava sempre attorno e lo abbracciava in continuazione. Apollo, pure lui infiammato dal desiderio per la fanciulla, era preso dall’ira e dall’invidia per la familiarità di Leucippo con Dafne e insinuò allora nella mente della ragazza l’idea di andare con le altre vergini a lavarsi alla fonte. Giunte lì, si svestirono, e vedendo che Leucippo non voleva farlo, gli strapparono di dosso le vesti: resesi allora conto dell’inganno e di quello che lui ordiva, scagliarono tutte insieme le aste contro di lui. Leucippo però per volere degli dei scomparve e Dafne, vedendo Apollo che avanzava verso di lei, fuggì di corsa; e siccome il dio la inseguiva, pregò Zeus di strapparla dagli esseri umani, e così dicono che sia diventata quell’albero che da lei ha preso il nome di dafne.




0090, Marziale – Epigrammi

Marco Valerio Marziale (Bilbilis, ora Calatayud; Spagna, 40 – Bilbilis, 104), Epigrammi; Libro 1 (anno 86 circa) e Libro 7.

[div class2=”typo-icon”] Manca la traduzione, vuoi farla tu? [/div]

La versione italiana qui allegata è quella de Gli epigrammi di Marco Valerio Marziale con traduzione e note del Cav. P. Magenta. Venezia: Tipografia di Giuseppe Antonelli Ed., 1842, p. 146, 544, 546.

 *      *       *
*

Liber 1, XC
Ad Bassam Tribadem

Quod nunquam maribus cinctam, Bassa, videbam
Quodque tibi moechum fabula nulla dabat;
Omne sed officium circa te semper obibat
Turba tui sexus, non adeunte viro:
Esse videbaris, fateor, Lucretia nobis;
At tu (pro facinus!) Bassa fututor eras.
Inter se geminos audes committere cunnos,
Mentiturque virum prodigiosa Venus.
Commenta es dignum Thebano aenigmate monstrum
Hic, ubi vir non est, ut sit adulterium.

NB: Epigramma a cui talvolta viene attribuito il numero 90


Liber 7,  LXVII 
In Philaenim

Pedicat pueros tribas Philaenis
Et tentigine saevior mariti
Undenas dolat in die puellas.
Harpasto quoque subligata ludit,
Et flavescit haphe, gravesque draucis
Halteras facili rotat lacerto,
Et putri lutulenta de palaestra
Uncti verbere vapulat magistri:
Nec cenat prius aut recumbit ante,
Quam septem vomuit meros deunces;
Ad quos fas sibi tunc putat redire,
Cum coloephia sedecim comedit.
Post haec omnia cum libidinatur,
Non fellat – putat hoc parum virile -,
Sed plane medias vorat puellas.
Di mentem tibi dent tuam, Philaeni,
Cunnum lingere quae putas virile.


Liber 7, LXX
In Philaenim

Ipsarum tribadum tribas, Philaeni,
Recte, quam futuis, vocas amicam

 





-0038 ac, Seneca – Controversie

Lucio Anneo Seneca, detto Seneca il Vecchio (55 a.C.-40 d.C.),  Controversie, libro I.

Qui solo il testo in latino, tratto da http://www.thelatinlibrary.com/seneca.contr1.html[div class=”alert” class2=”typo-icon”]Vuoi tradurlo in italiano? [/div]

*     *      * *

L. ANNAEI SENECAE MAIORIS CONTROVERSIARVM LIBER PRIMVS  2. SACERDOS CASTA E CASTIS, PVRA E PVRIS SIT Hoc autem vitium aiebat Scaurus a Graecis declamatoribus tractum, qui nihil et non permiserint sibi et +penetraverunt+. [23] HYBREAS, inquit, cum diceret controversiam de illo, qui tribadas deprehendit et occidit, describere coepit mariti adfectum, in quo non deberet exigi inhonesta inquisitio: EGO D ESCHOPESA PROTERON ANDRA (EI) EGGEGENEETAI TIS E PROSERRAPTAI. +GRANDAVS+, Asianus aeque declamator, cum diceret in eadem controversia: ‘non ideo occidi *** adulteros non paterentur’, dixit: EI DE FELARRENA ELABON; in hac controversia de sacerdote non minus obscene dixit MVRREDIVS: fortasse, dum repellit libidinem, manibus excepit. longe recedendum est ab omni obscenitate et verborum et sensuum; quaedam satius est causae detrimento tacere quam verecundiae dicere.

*     *      *


Un’altra versione qui: Omnia opera quae vulgo exstant sub nomine L.A Senecae Philosophica declamatoria et tragica. L. Annaei Senecae pars secunda sive Opera declamatoria. M. N. Bouillet. Volumen unicum. Parisiis, MDCCCXXXI


VEDI ANCHE: L. Annaei Senecae. Pars Prima, sive Opera Philosophica. Marie Nicolas Bouillet, Volumen Quartum. Parisiis, MDCCCXXIX (1829). Epistola XCV. Solis paeceptis virtutem non gigni posse: necessaria esse decreta, pp. 101-131


 Vedi anche la legge Julia, in: Novus thesaurus juris civilis et canonici: continens varia et rarissima … a cura di Gerardus Meerman,Pieter de Hondt ((La Haya))





-0380 aC, Platone – Simposio (o Convivio)

Platone (427-347 a.C.) Simposio

Questa traduzione è tratta da http://www.filosofico.net/Antologia_file/AntologiaP/platone7867434.htm

Durante il simposio, prende la parola anche il commediografo Aristofane che dà la sua opinione sull’amore narrando un mito. Un tempo – egli dice – gli uomini erano esseri perfetti, non mancavano di nulla e non vi era distinzione tra uomini e donne. Ma Zeus, invidioso di tale perfezione, li divise in due; da allora ognuno di noi è in perenne ricerca della propria metà, trovando la quale è possibile tornare all’antica perfezione.

[div3 class=”quote” class2=”quote-l” class3=”quote-r”]

Simposio

[…] Mi sembra che gli uomini non si rendano assolutamente conto della potenza dell’Eros. Se se ne rendessero conto, certamente avrebbero elevato templi e altari a questo dio, e dei più magnifici, e gli offrirebbero i più splendidi sacrifici. Non sarebbe affatto come è oggi, quando nessuno di questi omaggi gli viene reso. E invece niente sarebbe più importante, perché è il dio più amico degli uomini: viene in loro soccorso, porta rimedio ai mali la cui guarigione è forse per gli uomini la più grande felicità. Dunque cercherò di mostrarvi la sua potenza, e voi fate altrettanto con gli altri. Ma innanzitutto bisogna che conosciate la natura della specie umana e quali prove essa ha dovuto attraversare.

Nei tempi andati, infatti, la nostra natura non era quella che è oggi, ma molto differente. Allora c’erano tra gli uomini tre generi, e non due come adesso, il maschio e la femmina. Ne esisteva un terzo, che aveva entrambi i caratteri degli altri. Il nome si è conservato sino a noi, ma il genere, quello è scomparso. Era l’ermafrodito, un essere che per la forma e il nome aveva caratteristiche sia del maschio che della femmina. Oggi non ci sono più persone di questo genere. Quanto al nome, ha tra noi un significato poco onorevole. Questi ermafroditi erano molto compatti a vedersi, e il dorso e i fianchi formavano un insieme molto arrotondato. Avevano quattro mani, quattro gambe, due volti su un collo perfettamente rotondo, ai due lati dell’unica testa. Avevano quattro orecchie, due organi per la generazione, e il resto come potete immaginare. Si muovevano camminando in posizione eretta, come noi, nel senso che volevano. E quando si mettevano a correre, facevano un po’ come gli acrobati che gettano in aria le gambe e fan le capriole: avendo otto arti su cui far leva, avanzavano rapidamente facendo la ruota. La ragione per cui c’erano tre generi è questa, che il maschio aveva la sua origine dal Sole, la femmina dalla Terra e il genere che aveva i caratteri d’entrambi dalla Luna, visto che la Luna ha i caratteri sia del Sole che della Terra. La loro forma e il loro modo di muoversi era circolare, proprio perché somigliavano ai loro genitori. Per questo finivano con l’essere terribilmente forti e vigorosi e il loro orgoglio era immenso. Così attaccarono gli dèi e quel che narra Omero di Efialte e di Oto, riguarda gli uomini di quei tempi: tentarono di dar la scalata al cielo, per combattere gli dèi.

Allora Zeus e gli altri dèi si domandarono quale partito prendere. Erano infatti in grave imbarazzo: non potevano certo ucciderli tutti e distruggerne la specie con i fulmini come avevano fatto con i Giganti, perché questo avrebbe significato perdere completamente gli onori e le offerte che venivano loro dagli uomini; ma neppure potevano tollerare oltre la loro arroganza. Dopo aver laboriosamente riflettuto, Zeus ebbe un’idea. “lo credo – disse – che abbiamo un mezzo per far sì che la specie umana sopravviva e allo stesso tempo che rinunci alla propria arroganza: dobbiamo renderli più deboli. Adesso – disse – io taglierò ciascuno di essi in due, così ciascuna delle due parti sarà più debole. Ne avremo anche un altro vantaggio, che il loro numero sarà più grande. Essi si muoveranno dritti su due gambe, ma se si mostreranno ancora arroganti e non vorranno stare tranquilli, ebbene io li taglierò ancora in due, in modo che andranno su una gamba sola, come nel gioco degli otri.” Detto questo, si mise a tagliare gli uomini in due, come si tagliano le sorbe per conservarle, o come si taglia un uovo con un filo. Quando ne aveva tagliato uno, chiedeva ad Apollo di voltargli il viso e la metà del collo dalla parte del taglio, in modo che gli uomini, avendo sempre sotto gli occhi la ferita che avevano dovuto subire, fossero più tranquilli, e gli chiedeva anche di guarire il resto. Apollo voltava allora il viso e, raccogliendo d’ogni parte la pelle verso quello che oggi chiamiamo ventre, come si fa con i cordoni delle borse, faceva un nodo al centro del ventre non lasciando che un’apertura – quella che adesso chiamiamo ombelico. Quanto alle pieghe che si formavano, il dio modellava con esattezza il petto con uno strumento simile a quello che usano i sellai per spianare le grinze del cuoio. Lasciava però qualche piega, soprattutto nella regione del ventre e dell’ombelico, come ricordo della punizione subìta. Quando dunque gli uomini primitivi furono così tagliati in due, ciascuna delle due parti desiderava ricongiungersi all’altra. Si abbracciavano, si stringevano l’un l’altra, desiderando null’altro che di formare un solo essere. E così morivano di fame e d’inazione, perché ciascuna parte non voleva far nulla senza l’altra. E quando una delle due metà moriva, e l’altra sopravviveva, quest’ultima ne cercava un’altra e le si stringeva addosso – sia che incontrasse l’altra metà di genere femminile, cioè quella che noi oggi chiamiamo una donna, sia che ne incontrasse una di genere maschile. E così la specie si stava estinguendo.

Ma Zeus, mosso da pietà, ricorse a un nuovo espediente. Spostò sul davanti gli organi della generazione. Fino ad allora infatti gli uomini li avevano sulla parte esterna, e generavano e si riproducevano non unendosi tra loro, ma con la terra, come le cicale. Zeus trasportò dunque questi organi nel posto in cui noi li vediamo, sul davanti, e fece in modo che gli uomini potessero generare accoppiandosi tra loro, l’uomo con la donna. Il suo scopo era il seguente: nel formare la coppia, se un uomo avesse incontrato una donna, essi avrebbero avuto un bambino e la specie si sarebbe così riprodotta; ma se un maschio avesse incontrato un maschio, essi avrebbero raggiunto presto la sazietà nel loro rapporto, si sarebbero calmati e sarebbero tornati alle loro occupazioni, provvedendo così ai bisogni della loro esistenza. E così evidentemente sin da quei tempi lontani in noi uomini è innato il desiderio d’amore gli uni per gli altri, per riformare l’unità della nostra antica natura, facendo di due esseri uno solo: così potrà guarire la natura dell’uomo.

Dunque ciascuno di noi è una frazione dell’essere umano completo originario. Per ciascuna persona ne esiste dunque un’altra che le è complementare, perché quell’unico essere è stato tagliato in due, come le sogliole. E’ per questo che ciascuno è alla ricerca continua della sua parte complementare. Stando così le cose, tutti quei maschi che derivano da quel composto dei sessi che abbiamo chiamato ermafrodito si innamorano delle donne, e tra loro ci sono la maggior parte degl adulteri; nello stesso modo, le donne che si innamorano dei maschi e le adultere provengono da questa specie; ma le donne che derivano dall’essere completo di sesso femminile, ebbene queste non si interessano affatto dei maschi: la loro inclinazione le porta piuttosto verso le altre donne ed è da questa specie che derivano le lesbiche. I maschi, infine, che provengono da un uomo di sesso soltanto maschile cercano i maschi. Sin da giovani, poiché sono una frazione del maschio primitivo, si innamorano degli uomini e prendono piacere a stare con loro, tra le loro braccia. Si tratta dei migliori tra i bambini e i ragazzi, perché per natura sono più virili. Alcuni dicono, certo, che sono degli spudorati, ma è falso. Non si tratta infatti per niente di mancanza di pudore: no, è i loro ardore, la loro virilità, il loro valore che li spinge a cercare i loro simili. Ed eccone una prova: una volta cresciuti, i ragazzi di questo tipo sono i soli a mostrarsi veri uomini e a occuparsi di politica. Da adulti, amano i ragazzi: il matrimonio e la paternità non li interessano affatto – è la loro natura; solo che le consuetudini li costringono a sposarsi ma, quanto a loro, sarebbero bel lieti di passare la loro vita fianco a fianco, da celibi. In una parola, l’uomo cosiffatto desidera ragazzi e li ama teneramente, perché è attratto sempre dalla specie di cui è parte. Queste persone – ma lo stesso, per la verità, possiamo dire di chiunque – quando incontrano l’altra metà di se stesse da cui sono state separate, allora sono prese da una straodinaria emozione, colpite dal sentimento di amicizia che provano, dall’affinità con l’altra persona, se ne innamoranc e non sanno più vivere senza di lei – per così dire – nemmeno un istante. E queste persone che passano la loro vita gli uni accanto agli altri non saprebbero nemmeno dirti cosa s’aspettano l’uno dall’altro.

Non è possibile pensare che si tratti solo delle gioie dell’amore: non possiamo immaginare che l’attrazione sessuale sia la sola ragione della loro felicità e la sola forza che li spinge a vivere fianco a fianco. C’è qualcos’altro: evidentemente la loro anima cerca nell’altro qualcosa che non sa esprimere, ma che intuisce con immediatezza. Se, mentre sono insieme, Efesto si presentasse davanti a loro con i suoi strumenti di lavoro e chiedesse: “Che cosa volete l’uno dalI’altro?”, e se, vedendoli in imbarazzo, domandasse ancora: “Il vostro desiderio non è forse di essere una sola persona, tanto quanto è possibile, in modo da non essere costretti a separarvi né di giorno né di notte? Se questo è il vostro desiderio, io posso ben unirvi e fondervi in un solo essere, in modo che da due non siate che uno solo e viviate entrambi come una persona sola. Anche dopo la vostra morte, laggiù nell’Ade, voi non sarete più due, ma uno, e la morte sarà comune. Ecco: è questo che desiderate? è questo che può rendervi felici?” A queste parole nessuno di loro – noi lo sappiamo – dirà di no e nessuno mostrerà di volere qualcos’altro. Ciascuno pensa semplicemente che il dio ha espresso ciò che da lungo tempo senza dubbio desiderava: riunirsi e fondersi con l’altra anima. Non più due, ma un’anima sola. La ragione è questa, che la nostra natura originaria è come l`ho descritta. Noi formiamo un tutto: il desiderio di questo tutto e la sua ricerca ha il nome di amore. Allora, come ho detto, eravamo una persona sola; ma adesso, per la nostra colpa, il dio ci ha separati in due persone, come gli Arcadi lo sono stati dagli Spartani. Dobbiamo dunque temere, se non rispettiamo i nostri doveri verso gli dèi, di essere ancora una volta dimezzati, e costretti poi a camminare come i personaggi che si vedono raffigurati nei bassorilievi delle steli, tagliati in due lungo la linea del naso, ridotti come dadi a metà. Ecco perché dobbiamo sempre esortare gli uomini al rispetto degli dèi: non solo per fuggire quest’ultimo male, ma anche per ottenere le gioie dell’amore che ci promette Eros, nostra guida e nostro capo. A lui nessuno resista – perché chi resiste all’amore è inviso agli dèi.

Se diverremo amici di questo dio, se saremo in pace con lui, allora riusciremo a incontrare e a scoprire l’anima nostra metà, cosa che adesso capita a ben pochi. E che Erissimaco non insinui, giocando sulle mie parole, che intendo riferirmi a Pausania e Agatone: loro due ci sono riusciti, probabilmente, ed entrambi sono di natura virile. Io però parlo in generale degli uomini e delle donne, dichiaro che la nostra specie può essere felice se segue Eros sino al suo fine, così che ciascuno incontri l’anima sua metà, recuperando l’integrale natura di un tempo. Se questo stato è il più perfetto, allora per forza nella situazione in cui ci troviamo oggi la cosa migliore è tentare di avvicinarci il più possibile alla perfezione: incontrare l’anima a noi più affine, e innamorarcene. Se dunque vogliamo elogiare con un inno il dio che ci può far felici, è ad Eros che dobbiamo elevare il nostro canto: ad Eros, che nella nostra infelicità attuale ci viene in aiuto facendoci innamorare della persona che ci è più affine; ad Eros, che per l’avvenire può aprirci alle più grandi speranze. Sarà lui che, se seguiremo gli dèi, ci riporterà alla nostra natura d’un tempo: egli promette di guarire la nostra ferita, di darci gioia e felicità.

(Platone, Simposio)

[/div3]