1979, Rina Macrelli – Ridiamo su Proudhon

Rina Macrelli, [1979]. Ridiamo su Proudhon: alle origini della teoria neo-patriarcale. Roma: Movimento femminista romano, s.d. [1979], ciclostilato 11 x 21 cm, pp. 210.

Si ringraziano Olga P., Anna P. e Anna M. per la fattiva collaborazione nel reperire il testo e Sonia che ne ha trascritto le prime 30 pagine.

Il titolo del libro riprende quello di Carla Lonzi, Sputiamo su Hegel (1970).  Pierre-Joseph Proudhon (Besançon, 15 gennaio 1809 – Passy, Parigi, 19 gennaio 1865) è stato un filosofo ed anarchico francese. Il simbolo anarchico della A cerchiata sembra derivi dalla sua massima: “l’Anarchia è Ordine”. Famoso per la frase, ripresa e riveduta da Karl Marx, “La proprietà privata è un furto”, fu attivo politicamente durante il breve periodo della Seconda Repubblica francese, sorta a seguito dei moti del 1848. Teorizzò il sistema economico socialista libertario noto come mutualismo. [da Wikipedia]

Oltre a Proudhon nel testo vengono citate: Anna Maria Mozzoni,”la fondatrice del femminismo in Italia”; Evelyn Reed; Franca Pieroni Bortolotti e, in modo più approfondito, i testi di Juliette  Adam Lamber e di Jenny d’Héricourt



Il file PDF delle prime 30 pagine del libro, a titolo esemplificativo della tipologia del libro > http://www.leswiki.it/repository/testi/1979macraelli-ridiamo-su-proudhon.pdf

Il file DOCX dell’intero testo > http://www.leswiki.it/repository/testi/1979macrelli-ridiamo-su-proudhon.docx