0038 aC, Seneca il Vecchio – Controversie

Lucio Anneo Seneca [detto anche Seneca il Vecchio, Seneca Padre, Seneca il Retore (Cordova, 55 a.C. circa – Roma, 40 d.C. circa)],  Controversieae, Libro I; caso 2:  Sacerdos casta e castis, pura e puris sit, pr. 23.

Uno dei primi testi in cui compare la parola “tribade

Qui solo il testo in latino, tratto da http://www.monumenta.ch/  ma si trova con traduzione inglese anche allo https://archive.org/details/eldersenecadecla0001sene/

Manca una traduzione italiana, vuoi farla tu?


Controversiae. “Libro 1. Caso 2: Sacerdos casta e castis, pura e puris sit”, pr. 23.

[…]
23 HYBREAS, inquit, cum diceret controversiam de illo, qui tribadas deprehendit et occidit, describere coepit mariti adfectum, in quo non deberet exigi inhonesta inquisitio: ἐγὼ δ’ ἐσκόμησα πρότερον τὸν ἄνδρα, <εἰ> εγγεγένεταί τις ἢ προσέρραπται. GRANDAUS, Asianus aeque declamator, cum diceret in eadem controversia: ‘non ideo occidi adulteros <non> paterentur’, dixit: ἑι δέ φηλάρρενα μοιχὸν ἔλαβον. In hac controversia de sacerdote non minus obscene dixit MURREDIUS: fortasse, dum repellit libidinem, manibus excepit. Longe recedendum est ab omni obscenitate et verborum et sensuum; quaedam satius est causae detrimento tacere quam verecundiae dicere. VIBIUS RUFUS videbatur cotidianis verbis usus non male dixisse: ista sacerdos quantum mihi abstulit!

Citato, ad esempio, a proposito della legge Julia in: Gerardi Meerman (a cura di). Thesaurus Juris Civilis et Canonici, Tomus Quintus. Hagae Comitum apud Petrum de Hondt, 1752 a p. 316; mentre nell’Incice, a p. 531, nell’Index rerum et verborum, si specifica: “Tribades, sive frictrices, quae ? l.3. c.15. n.3 [libro 3 capoverso 15 numero 3]”

Da https://www.google.it/books/edition/Novus_thesaurus_juris_civilis_et_canonic/-H5haW-03bsC?hl=it&gbpv=1&dq=Novus+thesaurus+juris+civilis+et+canonici+tribades&pg=RA2-PA316&printsec=frontcover



Per quanto riguarda Seneca il Giovane  o Seneca Figlio o Seneca il Filosofo [Lucio Anneo Seneca (Cordova, 4 a.C. – Roma, 19 aprile 65)], nell’Epistola XCV – circa 60 d.C. – nel pr. 24 è chiaro il riferimento all’omosessualità maschile, ma non altrettanto mi sembra possa dirsi dei pr. 20 e 21, spesso citati come riferiti al lesbismo. Li riporto qui sotto nella traduzione di Giuseppe Monti.

Lucio Anneo Seneca [Seneca il giovane]. Lettere a Lucilio [Epistularum moralium ad Lucilium], traduzione di Giuseppe Monti, vol. 2 (libri X-XX); testo latino a fronte. “Libro XV. Lettera 95”, pr. 20-21. Milano: Rizzoli, 1994, p. 786.

1 Petis a me ut id quod in diem suum dixeram debere differri […] Mi chiedi che ti esponga subito quel problema di cui avevo rinviato la trattazione […]
http://www.leswiki.it/repository/testi/0060seneca20-21latino.jpg

 

Lascia un commento